False fatture e cave abusive, inchiesta sul porto di Licat

La Guardia di Finanza di Agrigento ha perquisito le sedi di alcune società che hanno fornito sabbia e pietrisco
per la costruzione del porto di Licata.
La Procura ipotizza che ci sia stato un giro milionario di fatture false, emesse da alcune ditte. Angelo Augusto ha realizzato un servizio per Tgs.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X