Rifiuti, a rischio 400 posti di lavoro

Lanciato ieri l'ultimatum all'Ato Gesa Ag2 affinchè siano pagati entro 15 giorni gli 11 milioni e 700 mila euro per i servizi espletati da marzo ad agosto
Agrigento, Cronaca

AGRIGENTO. Il raggruppamento di imprese che si occupa della raccolta dei rifiuti in 19 Comuni dell'Agrigentino, dopo aver lanciato ieri l'ultimatum all'Ato Gesa Ag2 affinchè siano pagati entro 15 giorni gli 11 milioni e 700 mila euro per i servizi espletati da marzo ad agosto, stamani ha convocato le sigle sindacali per discutere del destino dei lavoratori.


Se l'Ato Gesa Ag2, come sembra probabile, non pagherà, il 12 novembre non soltanto si interromperà il servizio di raccolta dei rifiuti, ma oltre 400 operatori ecologici perderanno il lavoro. Nella riunione con i sindacati si dovrà discutere del licenziamento collettivo dei lavoratori e dell'eventuale cassa integrazione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X