Confermata l'assoluzione per due ex avvocati del comune

Secondo l'accusa i due professionisti, nella qualità di membri della commissione legale a cui il Comune aveva affidato la rappresentanza e la difesa dell'ente in giudizio, con artifizi e raggiri si sarebbero procurati un ingiusto profitto di poco meno di 5 milioni di euro

AGRIGENTO. La corte d'appello di Palermo ha assolto, confermando la sentenza di prima grado, i due ex avvocati di fiducia del Comune di Agrigento, Salvatore Patti e Sergio D'Alessandro, accusati di truffa aggravata ai danni dell'ente. Secondo l'accusa i due professionisti, nella qualità di membri della commissione legale a cui il Comune aveva affidato la rappresentanza e la difesa dell'ente in giudizio, con artifizi e raggiri si sarebbero procurati un ingiusto profitto di poco meno di 5 milioni di euro, quali beneficiari di mandati di pagamento ammessi in loro favore sulla base delle parcelle finali presentate per importi superiori a quelli indicati nei preventivi di spesa.  D'Alessandro e Patti sono stati difesi dagli avvocati Antonino e Vincenza Gaziano, Caramanno e Pellitteri.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X