«Il bilancio 2012 non è ancora pronto» In arrivo il commissario della Regione

I revisori dei conti Burgio, Grassadonio e Reina hanno riconsegnato il bilancio consuntivo 2011 che deve ancora essere votato
Agrigento, Archivio

AGRIGENTO. Non è ancora pronto il bilancio di previsione del 2012. I ritardi renderanno inevitabile l'arrivo del commissario regionale. L'approvazione del documento finanziario dovrebbe slittare pertanto al 30 novembre, grazie ad una proroga che dovrebbe concedere il commissario ad acta. Gli uffici finanziari del Comune, che hanno a capo il dirigente Giovanni Mantione, in questi giorni hanno dovuto occuparsi anche di un altro problema.
I revisori dei conti Calogero Burgio, Michele Grassadonio e Ubaldo Reina hanno riconsegnato il bilancio consuntivo 2011 che deve ancora essere approvato. Vi hanno trovato alcuni errori contabili e quindi le carte sono tornate agli uffici. A quanto pare le correzioni sono state fatte e adesso il conto consuntivo del 2011 è stato consegnato alla giunta comunale che presto lo farà avere alle commissioni consiliari e quindi al consiglio comunale per l'approvazione. Per il bilancio di previsione del 2012 invece ci sarebbero ancora diverse difficoltà e quindi gli uffici sono in corsa contro il tempo per superare tutti i problemi.
Già a settembre doveva essere consegnato ai revisori, i quali almeno 20 giorni prima dalla data ultima per la sua approvazione (il prossimo 31 ottobre) avrebbero dovuto esprimere il proprio parere e quindi consegnare il testo ai consiglieri comunali, che già in questi giorni dovevano essere nelle condizioni di conoscerlo ed esaminarlo nelle varie commissioni consiliari per presentare eventuali emendamenti. Allo stato attuale invece il bilancio di previsione del 2012 è ancora nei vari uffici comunali e potrebbe essere pronto solo verso la fine del mese di ottobre. Non ci sono i tempi quindi per portarlo in consiglio comunale ed approvarlo in tempo utile per evitare l'arrivo del commissario regionale.
In Comune quindi nella prima settima di novembre arriverà il commissario regionale, che concorderà con l'amministrazione la data per la definitiva approvazione del documento finanziario. In genere vengono concessi una trentina di giorni. Intanto un nuovo decreto del governo va incontro alle amministrazioni comunali in gravi difficoltà finanziarie. Quei Comuni che dimostreranno di essere in stato di pre-dissesto e lo certificheranno potranno ottenere dei prestiti agevolati dallo Stato centrale per non precipitare nel dissesto e così pagare fornitori, mutui, stipendi.
Gli stessi Comuni potranno restituire la somma ottenuta attraverso comode rate e con un tasso d'interesse modesto. Una ciambella di salvataggio per chi sta affondando e ha bisogno di risollevarsi ed evitare di dichiarare il dissesto, spauracchio oggi di moltissime amministrazioni comunali. Il Comune di Agrigento potrebbe quindi chiedere questi aiuti di Stato non appena verranno emanati i decreti attuativi e verrà precisata la somma che il governo intende mettere a disposizione dei Comuni in condizione di pre-dissesto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X