A Sciacca assegnati due nuovi magistrati

Pubblicata sul bollettino del ministero della Giustizia la delibera del Csm che prevede il nono giudice e il quarto sostituto
Agrigento, Archivio

SCIACCA. Il Consiglio Superiore della Magistratura ha deliberato la pubbicazione dei posti vacanti presso gli uffici giudiziari, inserendo quello di un giudice al tribunale e di un sostituto alla procura della Repubblica. E’già statio inserito nel bollettino del ministero della Giustizia ed a breve si conoscerà il numero delle domande presentate. Per il tribunale si tratta del nono giudice e dunque della piena copertura dell’organico, che prevede dieci magistrati, compreso il presidente, Andrea Genna.
Dopo l’arrivo, nello scorso mese di aprile, di Luisa Intini, proveniente da Torino, e Antonino Cucinella, da Palermo, in tribunale sono stati coperti quasi tutti i posti vacanti. Gli altri giudici, assieme al presidente Genna, sono Cinzia Alcamo, Giuseppe Miceli, Roberta Nodari, Maria Cristina Sala, Stefania Garrisi e Silvia Capitano. L’obiettivo, adesso, è l’ampliamento dell’organico per consentire l’istituzione di una sezione del tribunale, come afferma anche l’avvocato Filippo Marciante, dell’Orgaismo unitario dell’avvocatura, molto attivo durante i mesi scorsi nei quali è stata sviluppata una forte azione che poi è sfociata nel mantenimento degli uffici giuidiziari di Sciacca e anzi nell’ampliamento del circondario.
«Vinta la battaglia per il tribunale - afferma Marciante - ci siamo messi subito all’opera per accogliere al meglio nei nostri uffici i nuovi territori che ci sono stati assegnati. Adesso bisogna intraprendere una nuova azione finalizzata all’ampliamento dell’organico dei giudici affinchè venga istituita una sezione presso il Tribunale di Sciacca. Se si riuscirà ad operare sviluppando la stessa sinergia, con la condivisione di tutti, a partire dalla città e dal territorio, sono certo - conclude Marciante - che anche quest’importante risultato potrà essere ottenuto».
Il presidente Genna ha posto la questione dell’ampliamento dell’organico per consentire l’istituzione di una sezione già tre anni fa in occasione della visita presso gli uffici giidiziari dell’allora ministro della Giustizia Angelino Alfano. Il presidente del tribunale, attualmente, esercita funzioni di carattere organizzativo ed ha competenze di esercizio di giurisdizione come tutti gli altri magistrati. La possibilità di essere parzialmente sganciato da questi impegni e di provvedere maggiormente all'organizzazione dell'ufficio consentirebbe anche di rendere più adeguati i tempi della giustizia.
Per quanto riguarda la procura, sono tre i sostituti che operano con il procuratore Vincenzo Pantaleo, Giovanni Vaira, Michele Marrone e Alessandro Moffa. L’organico ne prevede quattro e dunque si attende il completamento, fermo restando che con il nuovo circondario giudiziario anche per la procura bisogna auspicare un ampliamento dell’organico dei magistrati.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X